SNAMI Messina
via G. Natoli n. 103 - 2° piano
98123 - Messina
Tel. e fax 090 6413284
PEC: messina@pec.snami.org
Venerdì, 20 luglio 2018
HomeOrganigrammaStatuto
 
 
 
 
© 2006 SNAMImessina.it


118, lo Snami: "A Barcellona nei festivi turni con sole 2 persone a bordo"
11.12.2017 - I rappresentanti sindacali dello SNAMI (settore emergenza sanitaria Antonio Grillo e Giacomo Magistro tornano alla carica sulle vicende del 118 a Messina con una nota trasmessa al neo assessore regionale alla sanità Ruggero Razza, al direttore generale dell’Asp Sirna, al direttore del 118, alla SEUS ed alla Procura di Messina.

La nota è una diffida all’attivazione dei mezzi di soccorso avanzato (MSA) in carenza di personale minimo di 3 unità a bordo.

“Lo SNAMI – si legge- esprime profonda indignazione in merito alla gestione superficiale della turnazione del personale non medico delle postazioni 118 di Milazzo e Barcellona P.G., alla luce degli eventi, non più occasionali, segnalati dai medici delle stesse ambulanze, ripetutisi nuovamente il 9 ed il 10 dicembre”.

La normativa nazionale del 2010, ricordano i sindacalisti, in base alle Linee guida - Protocolli e procedure Servizio S.U.E.S. 118-Sicilia prevede che un'equipe di emergenza sanitaria avanzata non possa mai prevedere un organico inferiore alle 3 unità, (1 autista, 1 infermiere ed 1 medico), pur considerando ottimale un equipaggio costituito da 4 unità (1 autista, 1 soccorritore, 1 infermiere e 1 medico). Stando alla normativa è questo l'equipaggio che può iniziare a curare il paziente già sul territorio, proseguendo tutte le terapie necessarie nell’ambulanza, fino al raggiungimento dell'Ospedale più idoneo.

“Un equipaggio composto esclusivamente da 1 autista ed 1 medico, lasciato solo col paziente nel vano sanitario, non è un'equipe di emergenza avanzata- prosegue la nota- Un medico da solo nel vano sanitario non può di fatto provvedere alle necessità di cura di un paziente affetto da una patologia critica, dovendo contemporaneamente provvedere a monitorare i parametri vitali, reperire e gestire un accesso venoso, effettuare accertamenti diagnostici, somministrare farmaci ed ossigeno e soprattutto, qualora fosse necessario, effettuare manovre di rianimazione cardiopolmonare e gestione avanzata delle vie aeree, senza porre in serio pericolo di vita il paziente stesso colto da patologie tempo-dipendenti come l'ictus, l'infarto, od un'emorragia gastrointestinale. Questi pazienti critici necessitano invece di massima attenzione e di supporto costante durante tutto il tragitto fino all'ospedale più idoneo, e non certamente il più vicino”.
SNAMI - Messina | Informativa estesa sui cookie