SNAMI Messina
via G. Natoli n. 103 - 2° piano
98123 - Messina
Tel. e fax 090 6413284
PEC: messina@pec.snami.org
Mercoledì, 22 gennaio 2020
HomeOrganigrammaStatuto
 
 
 
 
© 2006 SNAMImessina.it


Lettera agli iscritti SNAMI MESSINA
12.10.2012 - Caro collega, con la presente intendo aggiornarti sulla attività sindacale che stiamo portando avanti, a tutti i livelli dal nazionale al provinciale passando per il regionale:
1. Decreto Balduzzi. - Assistenza H24: ​Com’ è noto in questi giorni è in corso la conversione in legge del decreto Balduzzi che opera, tra l’altro, anche pesanti tagli su tutto il comparto della sanità con inevitabili ripercussioni sui servizi. Pur con tutte le problematiche organizzative e gestionali che ne deriveranno, qualche sigla sindacale è ENTUSIASTA. La motivazione essenziale che ha dato luogo a questa nuova mazzata sulla figura del MMG, a detta dei governanti, è che il pronto soccorso è affollato in modo incongruo da pazienti che rientrano invece nei codici bianchi. Naturalmente anche per colpa del MMG. E’ naturalmente un falso problema, visto che la causa del sovraffollamento sta a monte e cioè nei lunghi tempi di attesa e nella facile gratuità della prestazione. Basterebbe, per combattere questo grave fenomeno, far pagare i ticket a tutti coloro che abusano per motivi ingiustificati del pronto soccorso.
Lo SNAMI non è assolutamente contro le aggregazioni, è invece contro l'aggregazione forzata, anche nella considerazione che alcune situazioni vanno bene in un certo contesto e male in un altro e CHI , meglio del medico di famiglia, conosce le peculiarità del territorio e come ci si deve organizzare. Con questo Decreto non ci sarà più alcuna differenza tra la Continuità Assistenziale e la Medicina di Famiglia.
​Le norme incluse in questo Decreto sono sicuramente contro la professionalità dei Medici di Medicina Generale e altereranno il rapporto medico-paziente. Non solo. Ci sarà la possibilità che i piccoli centri, distanti dal centro presso il quale sarà organizzata la nuova struttura, possano chiudere, con notevole disagio per i pazienti. Inoltre il timore che la Continuità Assistenziale finirà con il soccombere è più che fondato. Comunque il nodo della questione, soprattutto, è uno solo e cioè le risorse economiche, visto che sono programmati tagli per la Sanità fino al 2015 ed anche le Regioni hanno espresso forti perplessità riguardo all’aspetto economico.
​Secondo me ne vedremo di belle anche se l’aggettivo più appropriato sarebbe di brutte. Vorrei proprio capire su cosa si basa l’ottimismo degli unici sindacati, Fimmg, Fimp e Sumai, che si sono espressi favorevolmente nei confronti del Decreto.
Creiamo insieme le condizioni perché capillarmente i Medici prendano piena coscienza di chi cerca di tutelare il loro lavoro e chi assume costantemente penose posizioni di accondiscendenza. Noi dello Snami combattiamo perché il cittadino abbia una sanità più equa. Ma soprattutto la battaglia è anche per noi Medici, perché dobbiamo salvare noi stessi per difendere la sanità territoriale. Siamo aperti a quei Colleghi e a quelle associazioni che vorranno unirsi a noi in momento particolare per il nostro SSN.
2. associazionismo: il pagamento degli emolumenti agli aventi diritto è stato bloccato per via di un ricorso proposto da altro sindacato avente per oggetto il monte ore effettuato nella sede della medicina in gruppo, nonché il contratto col fornitore della rete previsto dall’AIR. Dopo vari incontri il tavolo regionale,promosso da noi snami, ha ampliamente superato le criticità avanzate. Appenda arriverà la circolare regionale a,i distretti questi potranno mettere in pagamento i predetti emolumenti.
3. Flusso informatico: sulla base della circolare 1296 del 3/10/2012 dell’assessorato regionale alla sanità i medici che alla fine di ottobre p.v. trasmetteranno i dati delle prescrizioni al ministero riceveranno € 152,00 (una tantum), mentre i medici inadempienti avranno una trattenuta su base annua del 1.15% del trattamento economico complessivo. Noi stiamo spingendo l’assessorato a corrispondere la somma € 1.000.000 per la messa in funzione del fascicolo sanitario elettronico (FSE) che corrisponde a € 200,00 annui. Si sta chiedendo, inoltre, a fronte di questo impegno ulteriori 0.81 euro per assistito per anno provenienti dalle quote ponderate che andrebbero a premiare i medici aderenti al progetto FSE.
4. UCAD (ufficio di coordinamento delle attività distrettuali): Nel Comitato Aziendale, tenutosi lo scorso settembre, si è stabilito di indire le elezioni dei componenti di medicina generale che faranno parte dell’UCAD. In realtà i componenti di medicina generale saranno tre: il primo, membro di diritto, sarà nominato dal Direttore Generale della ASP, gli altri due invece saranno individuai in base ai risultati delle elezioni. L’UCAD, prevista dai ACN e AIR, sarà una per distretto. Le elezioni sono state prorogate a sabato 10 novembre 2012, dalle ore 8 alle ore 16, presso le sedi distrettuali.salvo ulteriori determinazioni.
5. Ti invito vivamente a visitare il nuovo sito web nazionale www.snami.org, nonché quello nostro provinciale, anch’esso ristrutturato e a breve attivo, www.snamitrapani.org
saluti Nino Grillo


SNAMI - Messina | Informativa estesa sui cookie