SNAMI Messina
via G. Natoli n. 103 - 2° piano
98123 - Messina
Tel. e fax 090 6413284
PEC: messina@pec.snami.org
Lunedì, 19 novembre 2018
HomeOrganigrammaStatuto
 
 
 
 
© 2006 SNAMImessina.it
Promossa azione legale contro le sperequazioni retributive fra medici in scuola di specializzazione e medici in corso di formazione specifica
13.02.2018 - MESSINA - Lo Snami promuove una azione legale per il recupero di somme non percepite dai medici corsisti nei primi anni di applicazione delle norme relative alla formazione obbligatoria dei medici di medicina generale (corsi biennali e/o triennali di medicina generale).
Lo Snami ha stipulato una convenzione con lo studio legale Delia di Messina per tentare di risolvere la sperequazione del trattamento economico tra coloro che frequentano le scuole di specializzazione e chi invece frequenta i corsi di formazione specifica di medicina generale. I medici che a conclusione del proprio percorso universitario decidono di dedicarsi alla medicina generale (dall'assistenza primaria alla continuità assistenziale ed anche alla emergenza sanitaria) devono obbligatoriamente frequentare, accedendo per concorso, ad un corso triennale di formazione specifica percependo una borsa di studio di circa 800 euro, la cui somma è imponibile per applicazione di IRPEF e altre tasse. Ciò non accade nelle scuole di specializzazione, dove viene percepito quasi il doppio su emolumenti da cui non risultano cifre imponibili per Irpef e Irap e con coperture assicurative garantite.
Da una parte, infatti, in applicazione dell'art. 39 della Legge n. 368/1999 e dei relativi DD.MM. applicativi è definito che la parte fissa della borsa di studio è pari a euro 22.700,00 annui lordi, mentre dall'altra il D.M. 7 marzo 2006, che ha dettato i "principi fondamentali per la disciplina unitaria in materia di formazione specifica in medicina generale", si limita a stabilire che "al medico in formazione è conferita una borsa di studio annuale di euro 11.603,00". «Dunque - dicono allo Snami - se è la Legge a prevedere queste differenze, sarà anche in grado di chiarirci il perché uno specializzando ottiene una borsa di studio che vale il doppio di quella del collega che ha scelto (sciaguratamente, rebus sic stantibus) di frequentare il corso di medicina generale?».
«Stavolta - continuano allo Snami - neppure il Legislatore è in grado di fornire una adeguata spiegazione. Invero, non vi sarebbe stato il bisogno di ricercare una simile risposta tra le norme del nostro ordinamento perché, sino al febbraio del 2006, non esistevano differenze retributive tra i diversi corsisti, ma solo contenutistiche in ragione delle discipline affrontate durante la formazione post lauream. Se poi si considera che l'Unione Europea ha da sempre affermato che la formazione dei medici specialisti (compresa quella relativa la medicina generale) debba essere "adeguatamente remunerata" (Direttiva 82/76/CEE), le speranze di trovare una logica spiegazione si riducono drasticamente. Cosa accadde, allora, in quel marzo di 11 anni fa?».
«Se le ore di applicazione richiesta, - prosegue - le pratiche sanitarie sono per lo più identiche, se i corsisti prestano ugualmente assistenza e sono soggetti a turni ospedalieri, perché devono avere due paghe differenti?».
Esiste quindi non solo ua sperequazione del tratamento, ma una vera discriminazione tra i medici in ragione della diversa scelta professionale operata a fornte di un eguale impegno formativo e professionale.
Accogliendo le istanze di un comitato di oltre 1.000 medici gli avv.ti Santi Delia, Michele Bonetti e Cristiano Pellegrini Quarantotti hanno avviato un'azione per il riconoscimento della giusta retribuzione degli anni di corso di specializzazione svolti e da svolgere. Per ulteriori informazioni è possibile consultare su ADNKRONOS il link http://www.adnkronos.com/salute/2017/03/17/medici-famiglia-borsa-studio-leggera-via-maxi-azione-legale_luK67pkDbzM7qNSU6Y1AiJ.html o anche la rassegna stampa al link http://www.rimborsospecializzandi.it/rassegna-stampa/
Per ulteriori informazioni è anche possibile contattare il dott. Marcelo Savasta, addetto stampa dello Snami Messina al cell. 3491517864. La convenzione vale tuttavia solo per gli iscritti al sindacato della regione Sicilia.
Grillo Antonino
Per approfondire...
SNAMI - Messina | Informativa estesa sui cookie