SNAMI Messina
via Abetone (Villa Lina) Is. 14/a Int. 11
98100 - Messina
Tel. e fax 090 9431316
Martedì, 12 dicembre 2017
HomeOrganigrammaStatuto
 
 
 
 
© 2006 SNAMImessina.it

Comunicati stampa dei settori
Assistenza primaria
Il testo prevede che in presenza di un disturbo che il lavoratore ritiene invalidante ma passeggero, sarà il paziente stesso, sotto la sua esclusiva responsabilità, ad autocertificarlo. Dallo Snami si fa notare come vi siano lievi patologie, come il mal di testa o la diarrea, la cui diagnosi non può che essere fatta sulla base di sintomi clinicamente non obiettivabili e in tal senso un'auto-attestazione sarà utilissima.
Il disegno di legge Romani che prevede l'autocertificazione del lavoratore per la malattia dei primi tre giorni continua a far discutere e aumentano le voci in disaccordo nella medicina di famiglia in particolare per la parte che attribuisce al Mmg un ruolo nel trasmettere la scelta del paziente. «Salutiamo positivamente questa possibilità che auspichiamo da sempre, già in vigore in altri paesi europei e oggetto di battaglie sindacali del nostro sindacato» premette Angelo Testa, presidente nazionale dello Snami. «Dovrebbe però essere scontato che non dovrà essere il Medico a trasmettere questa "autodeterminazione del paziente" ad assentarsi dal lavoro come la proposta di legge indica senza equivoci. Il Disegno di Legge incide poi, ridimensionandole, sulle pene ai medici, anche per porre rimedio ad alcune contraddizioni ed eccezioni di incostituzionalità rilevate nella Legge Brunetta» continua Testa. «Ci sono lievi patologie, come il mal di testa o la diarrea, la cui diagnosi non può che essere fatta sulla base di sintomi clinicamente non obiettivabili e in tal senso un'auto-attestazione sarà utilissima, ma nessuno si azzardi a pensare che il medico diventi il "trasmettitore di dati" all'Inps per conto terzi».
Soddisfazione «perché dalla prima ora il nostro sindacato si è espresso negativamente indicando la pericolosità nel consentire alle Regioni gare di acquisto tra farmaci basati su molecole differenti». A esprimerla in una nota Angelo Testa, presidente nazionale dello Snami dopo il ritiro da parte dell'Aifa della Determina 458 sull'equivalenza terapeutica, emanata la scorsa primavera. Il provvedimento, spiega Testa avrebbe minato «la tutela della continuità delle cure per i malati cronici, che avrebbero rischiato di si cambiare il farmaco in base agli esiti delle diverse gare regionali.
Angelo Testa "E’ ora di dire basta alle componenti ” volatili ” dei nostri emolumenti " GianFranco Breccia "La nostra quota capitaria è come ” tarlata ” e si erode sempre di più"
Continuità assistenziale
DECRETO 10 giugno 2016. Incarichi vacanti di continuità assistenziale accertati all’1 marzo 2016. Carenze Messina Azienda sanitaria provinciale di Messina – Presidio di Panarea: 2 incarichi - 24 h settimanali; – Presidio di Stromboli: 2 incarichi - 24 h settimana- li; – Presidio di Barcellona P.G.: 1 incarico - 24 h setti- manali; – Presidio di Floresta: 1 incarico - 24 h settimanali; – Presidio di Ucria: 1 incarico - 24 h settimanali; – Presidio di Caronia: 1 incarico - 24 h settimanali; – Presidio di Galati Mamertino: 1 incarico - 24 h set- timanali; – Presidio di Castel di Lucio: 1 incarico - 24 h settima- nali.
VARIATO DI FATTO L’ATTO DI INDIRIZZO:VITTORIA SNAMI PER IL RECEPIMENTO DELLE RICHIESTE DEL NOSTRO SINDACATO Pubblicato 31 maggio 2016 Come si evince dalla nostra comunicazione espressa nelle interviste all’esecutivo nazionale, da quanto chiesto nella mozione del comitato centrale di Riva del Garda del 10 aprile e dalla serrata politica dello Snami,anche dietro le quinte nei confronti delle istituzioni e della politica,sono state recepite le nostre richieste ed è stato di fatto variato l’atto di indirizzo.Infatti i tecnici rispondono alla Lorenzin che la continuità assistenziale potrà essere modulata secondo le esigenze regionali. L’azione seria e continua di un sindacato rispetto al frastuono demagogico di chi avrebbe voluto far “cassetta sindacale” da questa vicenda,secondo il Nostro stile e la politica “del fare” di sempre.Non ci fermiamo qui:andremo avanti per cercare di far recepire dalla parte pubblica e perché siano formalizzate altre nostre richieste.
Il Ministro durante il Question time alla Camera conferma come siano in corso verifiche sull’Atto d’indirizzo per il rinnovo della convenzione dei medici di famiglia. “Con i dati mi riservo di esercitare le mie prerogative chiedendo quelle modifiche dell’atto d’indirizzo che si rendessero necessarie affinché siano garantiti a tutti i cittadini i servizi di assistenza dalle 24 alle 8 e durante il weekend”. (QUESTO IL RISULTATO DELLA MANIFESTAZIONE...? IDATI.... ? ED ALLOR RESTA TUTTO COME GIA' DECISO!
Incaricato il Legale, presto i chiarimenti! "Il rimborso spese d'accesso dello specialista Asl è un risarcimento e non va tassato. Lo dice la Cassazione con la recente sentenza 6793/2015. E per migliaia di medici si apre un fronte con le Asl che, se hanno applircato la ritenuta, esistente da anni, devono a ciascuno migliaia di euro. Si intendono le indennità chilometriche"
Emergenza sanitaria territoriale - 118
ROMA - I medici del 118 sono lavoratori che prestano la loro attività secondo un sistema di turnazione che prevede turni notturni per un numero minimo di giorni lavorativi pari se non superiori a 84 per anno. L’impegno professionale e la particolare tipologia del servizio, assicurato prevalentemente su mezzi mobili, all'aperto, e in qualsiasi condizione climatica, ambientale e ad alta intensità lavorativa e stressogena, è tale da determinare un aumento del rischio generico e specifico connesso col forte stress psicofisico, oltre ad un rischio semispecifico a contrarre malattie infettive. Queste le precondizioni annotate dallo SNAMI, che con un documento firmato dal presidente nazionale dello Snami, Angelo Testa, e dal responsabile nazionale di settore, Vito D’Angelo, e indirizzato alla Presidenza del Consiglio, al Ministro della Salute, al Ministro dell’Economia e delle Finanze e al Ministro del Lavoro, viene chiesta in favore dei medici d
Sotto accusa il decreto di riordino della rete ospedaliera e dell'emergenza- urgenza a firma dell'assessore Gucciardi. Le interviste video di Insanitas
Sull’utilità delle ambulanze con a bordo soli soccorritori e non medici, il dibattito prosegue. Nei giorni scorsi il manager dell’Asp di Messina, Gaetano Sirna, le aveva definite “inutili” e potenzialmente pure “pericolose”, mentre ai taccuini di Insanitas il dg del Bonino Pulejo, Angelo Aliquò, ne aveva sottolineato l’importante ruolo (leggi qui). Ora arriva una presa di posizione dello Snami Messina, con una nota firmata dal segretario provinciale Antonino Grillo, di cui riportiamo alcuni passaggi: «C’è il pericolo che venga operata in maniera definitiva la distruzione di un Servizio che funziona, il c.d. “Modello 118 Messina”. I risultati sul campo hanno dimostrato che produce servizi e soprattutto risparmio nel medio e lungo termine. Per questo lo Snami insiste nel dire: “Non si tocchi nulla, giù le mani dalle ambulanze e dai PTE dal 118″».
Caro direttore, Rappresento a Messina uno dei maggiori Sindacati dei Mmg, che in Sicilia ha il maggior numero di Medici che operano nel 118 siciliano. Io non avrei mai pensato, che mi sarebbe toccato difendere il servizio 118, ma fino ad oggi ero convinto che la mia funzione sarebbe stata quella di difendere solo i miei iscritti e la mia categoria! Invece mi sono trovato a difendere uno dei più importanti servizi che garantiscono il diritto alla salute dei cittadini, sancito dalla nostra costituzione. Nei tempi il servizio è stato costruito con sacrifici da parte degli operatori sia medici che autisti soccorritori, riuscendo a dare servizi che hanno reso onori alla sanità siciliana, Rete IMA e STOKE, con riconoscimenti Nazionali da parte del Ministero alla Salute! Ed invece mi tocca difendere un sistema ed i cittadini da rimodulazione e riordini fatte senza capo né piedi da parte di illustri cattedrari che forse non conoscono ne i territori della nostra amata Sicilia ne i risultati raggiunti con sacrifici, adottando dei parametri senza neanche comprenderli! Inoltre leggo nella vostra onorabile testata parole da parte della massima autorità che tendono a confondere i fatti reali con la fantascienza politichese da campagna pre elettorale! Quindi mi corre l'obbligo, dopo aver letto i due articoli, il primo da parte di un Sindaco che si preoccupa della salute dei cittadini, che io condivido perfettamente, ed il sicomdo di risposta da parte dell' Assessore alla Salute Siciliano, che mi fa rabbrividire! Ed allora alle rassicurazioni di mantenimento anzi di potenziamento delle ambulanze del 118 in Sicilia ed in particolare modo a Messina, mi viene d'obbligo fare una domanda tramite la Vostra eccellente ed attenta testa giornalistica all' Assessore alla salute Gucciardi Assessore, lei rassicura il Sindaco di Santa Teresa di Riva, che nulla sarà toccato ma anzi potenziato, ma mi dica, ambulanze Medicalizzate in ghergo sanitario MSA o ambulanze non medicalizzate MSB con solo autista e soccorritore? Ed ancora, mi Sto arrivando! Spiegare a cosa servono le ambulanze che lei vuole lasciare ( mi ripeto MSB) senza Medico se non solo a fare da taxi per portare i pazienti in pronto soccorso già sovraffollati e ridotti di numero? Ed ancora, come conta di mantenere le Reti Tempo Dipendenti (Rete infarto ed ICTUS) Che tanto lustro hanno dato alla sanità siciliana? Ed ancora, come pensa di poter garantire le Emergenze con 13 ambulanze, quando lei ha preteso con decreto, che il 118 potesse effettuare i TSO, che giornalmente si può dire sottraggono un mezzo al territorio per trasferire a 200 ed oltre km un paziente malato di Mente? Ed ancora il decreto sul riordino ancora esiste è non è mai stato ritirato! Ed allora mi corre d'obbligo per chiarezza e in difesa dei cittadini, categoria a cui apparteniamo anche io e lei, le seguenti considerazioni: CIÒ CHE LEI HA DICHIARATO È TUTTO FALSO! MENTE PUR SAPENDO DI MENTIRE, OPPURE NON SA QUELLO CHE DICE! IL DECRETO ESISTE! È NON È STATO MAI RITIRATO O MODIFICATO! LE AMBULANZE RESTERANNO SEMPRE UGUALI FINO AL 31 DICEMBRE 2018, POICHÉ IL CONTRATTO CON LA SEUS, CHE FORNISCE PERSONALE E MEZZI, A TALE SCADENZA, MA LE AMBULANZE CON MEDICO A BORDO SARANNO 13 IN TUTTA LA PROVINCIA DI MESSINA! QUESTE SARANNO IN CHIUSURA! NON SOLO LEI È UN IRRESPONSABILE ED I SUOI ESPERTI INCOMPETENTI, MA PENSA DI POTER PRENDERE IN GIRO, I SINDACI ED I CITTADINI, RITENGO CHE AL POSTO SUO, MI VERGOGNEREI! L'UNICA COSA DEGNA DI NOTA CHE LEI POTREBBE FARE È QUELLA DI RITIRARE IL DECRETO DA LEI EMESSO! AMMETTENDO L'ERRORE COMMESSO DALLA SUA INCOMPETENTE COMMISSIONE! RICORDI CARO ASSESSORE CHE STIAMO DIFENDENDO LA SUA SALUTE, POICHÉ ANCHE LEI È UN CITTADINO! METTEREMO LA SUA DELIBERA ON LINE, PER DIMOSTRARE LE SUE MENZOGNE! Sempre disponibile ad un confronto pubblico con tutti i Sindaci ed i cittadini siciliani! Nino Grillo Segretario Provinciale SNAMI Medico 118 Tel cell 3343705337
SNAMI - Messina | Informativa estesa sui cookie