SNAMI Messina
via G. Natoli n. 103 - 2° piano
98123 - Messina
Tel. e fax 090 6413284
PEC: messina@pec.snami.org
Lunedì, 19 agosto 2019
HomeOrganigrammaStatuto
 
 
 
 
© 2006 SNAMImessina.it
SNAMI
Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani
Emergenza sanitaria Lucifora Giovanna
SISTEMA 118, IN SICILIA
13.05.2019
OGGETTO: DEFINIZIONE
SISTEMA 118, IN SICILIA
Cosa è il mestiere di Medico del servizio Emergenza SUES 118? il nostro mestiere è un arma che si presenta sempre a doppio taglio! Un mestiere dalle mille sfaccettature! Un bicchiere mezzo vuoto, ma se lo analizzi dall’altro punto di vista, mezzo pieno! Sono molti i commenti che ho letto sul tuo post. Debbo dire che abbiamo tutti ragione, di certo posso affermare che il territorio è rappresentato solo dal servizio Emergenza 118! Noi siamo l’ultimo anello, di un sistema che rischia di esplodere! Anzi, di un sistema che ormai è esploso, ed i motivi li conosciamo bene tutti! Qui affronto alcuni punti critici che sono la causa degli acciacchi, che stanno distruggendo questo sistema, orgoglio specialmente nella provincia di Messina, della sanità Siciliana! 1) Il sistema 118, è così anche i Medici, è composto da Medici anziani, le Asp e le CO non si sono impegnati in 19 lunghi anni, ad organizzare Corsi di Formazione in Emergenza, cosa prevista dalle linee guida! 2) La politica, non ha mai preso in considerazione, la formazione è come detto anche da te, non si è mai interessato a normare, con linee guida al passo con i tempi è con i cambiamenti, uniformi in tutto il territorio Isolano! 3) Mancanza di formazione sulla gestione degli eventi in CO, agli Operatori sia Medici che infermieri, che autisti Soccorritori! 4) Educazione, fatte con campagne informative, (cosa più volte citata nei post precedenti su esposte! Sul corretto uso del servizio SUES 118. 5) Applicazione, come suggerito già da qualcuno, di un ticket, per le chiamate non di emergenza, da parte dei cittadini, (cosa già esistente in tutti i PS!). 6) mancanza (spesso) di intervista della chiamata, da parte degli operatori di CO, (non tutti). Che potrebbe permettere realmente la gravità dell’intervento reale! 7) Mancanza di supporto, come previsto dalla normativa, della presenza in CO di un medico, idoneo h 24, che si assuma la responsabilità di supportare i colleghi in intervento! Sia Medici che infermieri! 8 ) formazione del personale di CO, sia Medici che infermieri, sulla gestione di centrale, sia di comunicazione costante tra ospedale e territorio e viceversa. 9 ) Breefing costante o almeno mensile, tra CO e Abz! 10) approfondita formazione, del personale, che deve essere dedicato solo a questo servizio, proveniente da professione svolta in area critica, con informazione di viabilità, di conoscenza del territorio, di reale ubicazione dei mezzi! 11) ed infine, ma non per ultimo, fine dello stato di medicina difensiva, oggi ormai cosa certa, che ci porta, ad difenderci da azioni legali, pubblicizzate da Avvocati avvoltoi, che discretano, con incoraggiamenti di azioni legali gratuiti e stimolanti, di lauti risarcimenti milionari se agiscono legalmente! Inoltre, maggiore responsabilità e rispetto reciproco, da parte delle altre figure presenti nel territorio, in CO ed Ospedali, sulla professione medica ed infermieristica (Medici di Assistenza Primaria, Guardia Medica, Pediatri, personale di Ps Medici ed infermieri, Medici di CO ed Infermieri di CO), sulle competenze (mi compete non mi compete) che siamo tutti sulla stessa barca, gli avvoltoi ci stanno addosso! Pronti come corvi, a lanciarsi sul nostro soma ormai indifeso, al fine di poter vantare per se stessi il massimo vantaggio! Ed è anche giusto ricordare, che se altri con mezzi e consulenze più appropriate, spesso non riescono a salvare vite umane, poiché noi non abbiamo, mezzi o mani miracolosi, che riescono, a fare di più del nostro Buon Dio! DI ALTRO, COME PROPOSTE O SOLUZIONI, COME ALTRI PROPONGONO, NON NE RAVVEDO! Scusate la lunghezza delle mie riflessioni!
SNAMI - Messina | Informativa estesa sui cookie