SNAMI Messina
via G. Natoli n. 103 - 2° piano
98123 - Messina
Tel. e fax 090 6413284
PEC: messina@pec.snami.org
Sabato, 19 ottobre 2019
HomeOrganigrammaStatuto
 
 
 
 
© 2006 SNAMImessina.it
SNAMI
Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani
Assistenza primaria
Appropriatezza prescrittiva, Lorenzin: ancora in fase sperimentale. Nessuna sanzione per i medici inadempienti
12.05.2016
OGGETTO: da Doctor News
«Il bilancio è sostanzialmente positivo. Ma sono stati mesi complicati, caratterizzati da oggettive difficoltà, perché l'accordo sulla cosiddetta "appropriatezza prescrittiva", stipulato dal ministero con le Regioni inizialmente non ha dato frutti favorevoli. Quindi, ci siamo riuniti coi medici e adesso, con mia grande soddisfazione, siamo arrivati a una totale condivisione della norma». A dirlo il ministro della Salute Beatrice Lorenzin in un'intervista radiofonica a Radio1 Rai. «Ricordo che l'intenzione del legislatore era ed è quella di consentire ai medici di richiedere per i pazienti tutti gli esami diagnostici necessari, evitando soltanto prescrizioni che danno luogo a sprechi. Lo dico ai cittadini: abbiamo mandato una circolare ai medici italiani, in cui abbiamo chiarito ogni aspetto. Innanzitutto, il ricettario. I medici di medicina generale possono segnare sulla ricetta rossa la diagnostica che viene indicata dallo specialista. Non c'è una doppia ricetta o un doppio ticket. Inoltre, abbiamo ribadito che il medico ha la facoltà di decidere, in piena autonomia, la diagnostica per il paziente, sulla base delle proprie competenze e della propria esperienza. La lista che gli viene presentata, compilata con l'ausilio delle società scientifiche, è puramente orientativa e suscettibile di modifiche o aggiornamenti sulla base dei requisiti individuali e della conoscenze scientifiche. In ogni caso - ha concluso il ministro Lorenzin - siamo ancora in una fase sperimentale, di costruzione del decreto insieme ai medici e dunque non è prevista alcuna sanzione per i medici inadempienti».
SNAMI - Messina | Informativa estesa sui cookie